Pinterest la guida completa per iniziare a usare il motore di ricerca più cool del web

Sei su Pinterest e lo ha sempre usato per trovare ispirazione e idee ma hai capito che nel 2021 non può mancare anche nella tua strategia di marketing?

Sei nel posto giusto, qui troverai una guida completa e in italiano a Pinterest.

Cos'è e come funziona Pinterest per aziende, blogger, freelancer e artigiani.


Pinterest è un social network? Non esattamente, è un motore di scoperta visiva che oggi conta oltre 475 milioni di utenti.

Se hai un sito web, un blog, un e-commerce, vendi prodotti o servizi online o sei intenzionata a farlo dovresti prendere seriamente in considerazione Pinterest nella tua strategia di online marketing nel 2021.



Pinterest - la guida per iniziare
ph Fahim R on Unsplash


Pinterest è un canale "anomalo" dove non si parla di politica, non si trovano selfie e non si gareggia per il numero di follower. È un'isola positiva e inclusiva, è il luogo dell'ispirazione e del tempo libero, dove si trovano idee e si scoprono potenzialità per arricchire la propria vita. L'Italia è al momento la nazione in cui il tasso di crescita dei pinner (gli utenti di Pinterest) è il più alto a livello internazionale.


Ok, hai capito le potenzialità della piattaforma ma non sai da dove iniziare e come usare Pinterest al meglio per promuovere la tua attività. Sei nel posto giusto, in questa guida tutto quello che devi sapere per cominciare subito a diventare una pinner attiva.


Step 1: creare un account Pinterest aziendale. Iscriviti a Pinterest creando un account aziendale o, se sei già iscritta, accedi alle impostazioni del tuo account Pinterest personale e crea un profilo Pinterest business collegato al tuo personale. Ti basterà seguire la procedura guidata, è semplice e ci impiegherai pochi minuti. Questo ti servirà per avere accesso ai dati analitici della tua attività sulla piattaforma, fondamentali per ideare e monitorare una strategia efficace. Ti consentirà inoltre di effettuare campagne promozionali a pagamento (ads).


Step 2: impostare il tuo profilo. Il tuo account Pinterest aziendale deve mostrare chi sei e che cosa puoi fare per chi lo visita ma anche la tua personalità, le tue passioni e i tuoi hobby.

Una descrizione profilo ben fatta (limite 160 caratteri) aiuta il tuo account anche a essere trovato tramite parole chiave. Le keywords sono la chiave (scusate il gioco di parole) per il successo su Pinterest. Quindi un ripassino di SEO in questo caso fa sempre bene: si inseriscono nella descrizione del proprio profilo, nei nomi delle bacheche, nelle descrizioni delle bacheche, nei nomi e nelle descrizioni dei pin, praticamente dappertutto! Approfondirò il discorso di seguito.

Per modificare queste componenti dal tasto menu in alto a destra seleziona impostazioni e modifica profilo. Il nome visualizzato: è quello che apparirà in grassetto sotto alla tua foto profilo, mentre il nome utente è quello più piccolo, anticipato dalla @. Entrambi i nomi ti aiuteranno a esser trovata più facilmente su Pinterest. Imposta poi un'immagine del profilo e una di copertina (o una copertina video).


Step 3. Verifica il tuo sito web

Verificare il sito è necessario per confermare che effettivamente sei il proprietario del sito che hai inserito nel tuo account e ti consente di accedere ai dati analitici per tutti i pin che rimanderanno al tuo sito, blog o e-commerce. Per farlo accedi alle impostazioni del profilo e poi alla sezione verifica e segui la procedura guidata di Pinterest. Una volta fatto, accanto al tuo indirizzo web comparirà il simbolo di un piccolo globo con la spunta.

Puoi anche verificare e connettere a Pinterest il tuo profilo Instagram, il tuo canale YouTube o il tuo negozio Etsy.


Step 4. Abilita i Pin Dettagliati o Rich Pin

Cosa sono i Rich Pin di Pinterest? Sono pin che contengono ulteriori informazioni sul pin stesso e sono sincronizzati con il tuo sito web, in modo da modificare automaticamente dati rilevanti, come ad esempio un cambio di prezzo o disponibilità di un prodotto. Mettono in evidenza alcune informazioni che possono rendere il pin più rilevante per chi legge che potrà a sua volta salvarlo in una delle sue bacheche o cliccare sul link del pin. Quando un utente ha più informazioni è più incline a cliccare per continuare a leggere. Per esempio se oltre al prodotto e alla sua descrizione vede il prezzo e altri dettagli, è più probabile che clicci direttamente per acquistarlo.


Step 5. Inizia a creare le tue bacheche Pinterest

Le bacheche sono come delle cartelle all'interno delle quali inserire i propri pin o ripinnare quelli di altri utenti. Diverse bacheche per diverso tipo di contenuti. Per cominciare suggerisco di creare circa un decina di bacheche, che conterranno un mix di pin tuoi e di altri pin salvati da Pinterest rilevanti per l'argomento della bacheca. Una volta effettuato l'accesso a Pinterest è semplicissimo creare bacheche o pin, basta cliccare sul simbolo + e seguire le indicazioni.

Come intitolare le bacheche? Con parole-chiave! Come accennato sopra, la ricerca su Pinterest avviene tramite keywords, quindi è fondamentale capire quali sono le migliori per il tuo settore. Per cercare le più adatte comincia inserendo l'argomento di cui vuoi trattare in una bacheca: ad es. sei un food blogger e vuoi dedicarne una alla colazione scrivi "colazione ricette" e leggi i suggerimenti di Pinterest. Troverai una serie di parole quali "dolci" "veloci" "biscotti" ecc... > il titolo della tua bacheca potrebbe quindi essere "colazione ricette veloci". Non occorrono troppe parole, il resto si può inserire nella descrizione della bacheca.


Step 6. Come creare i primi pin su Pinterest

Pinterest è un motore di ricerca visivo, quindi la qualità dell'immagine è importantissima. Innanzitutto le dimensioni 1000x1500 px per un pin standard o comunque dimensioni con proporzione 2:3 (600x900, 1200x1800,ecc...). Troverete anche molte infografiche sulla piattaforma, ma se le proporzioni si allungano troppo Pinterest le taglia nella home, quindi meglio attenersi alle dimensioni consigliate per assicurarsi che tutto il contenuto sia visibile da chi naviga nella propria home. Uno dei tool più conosciuti e intuitivi per creare pin (e molti altri tipi di post per tutti i social se non sei un grafico professionista) è sicuramente Canva, all'interno del quale si trovano anche molte immagini copyright free a cui attingere e soprattutto dei template già pronti con testo e decorazioni varie pronti da modificare. Ti consiglio comunque di personalizzare sempre i template Canva utilizzando la tua color palette e i tuoi font di riferimento e di conservare poi il design creato come template per i tuoi pin futuri.

Anche il pin poi vuole le sue keywords che è bene inserire nel titolo e nella descrizione del pin. Potrai infine inserire un link in ogni pin (ad eccezione dei pin idea, di cui ti parlo meglio qui) per mandare direttamente l'utente sul tuo sito web, blog, e-commerce o altro canale online.


Se stai ancora pensando se ti conviene portare i tuoi prodotti o servizi su Pinterest, leggi questo articolo.


Se non sia come impostare la tua strategia di pubblicazione su Pinterest e vuoi imparare a conoscere la piattaforma al meglio per aumentare traffico al tuo sito e ai tuoi canali online, continua a seguirmi su Pinterest e Instagram.




431 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti